26 Tappa – da San Vittore a Castelletta

Con alle spalle l’Abbazia di S. Vittore alle Chiuse si supera, la torre medievale e l’arco romano l’antico ponte svoltando subito a sinistra si cammina per un breve tratto lungo il Fiume Sentino per poi salire e raggiungere il paesino di Pierosara. Questo era un antico castello longobardo sorto a dominio del territorio circostante. Qui vi racconteremo la romantica leggenda di Piero e Sara, due sfortunati innamorati. Dopo la visita al suggestivo e panoramico persino scenderemo verso Mogiano-Chiarodovo per continuare nella Gola della ed intercettare il sentiero che sale all’Eremo di Grotta Fucile dove San Silvestro Guzzolini, eremita, fondò la sua congregazione. Si continua a salire con diagonale fino ad un valico prativo e poi, alla sterrata in località i Colli in breve al grazioso borgo medievale di Castelletta dominato dal monte Rovellone, mantiene tutt’ora l’antico impianto medievale.

Ponte romano di San Vittore di Genga
Pierosara
Pierosara
Castelletta Panoramica

ITINERARIO

San Vittore

Km: 0,0
Altitudine: m. 246

Pierosara

Tappa sentiero: CAI117
Km: 2,1
Altitudine: m. 443
Indicazioni di luoghi e fonti: Piccolo borgo longobardo con torre e leggenda di Piero e Sara.

Eremo Grotta Fucile

Tappa sentiero: Sentiero-CAI108
Km: 5,2
Altitudine: m. 415
Indicazioni di luoghi e fonti: Ex eremo benedettino silvestrino

Castelletta

Tappa sentiero: CAI108
Km: 3,8
Altitudine: m. 648
Indicazioni di luoghi e di fonti: Borgo medievale

26 TAPPA TOTALE 11,1 Km
Dislivello 780 + 370 – Asfalto km 3,3